Azienda

imagealt
24 Giugno 2022
Se l’azienda non è sicura, il datore di lavoro deve rispondere anche dei comportamenti imprudenti dei lavoratori

Secondo la Cassazione penale i comportamenti imprudenti dei lavoratori, anche se gravemente pericolosi, non possono ritenersi abnormi, cioè tali da escludere la colpa del datore di lavoro in caso di infortunio, qualora si verifichino in luoghi di lavoro privi di congrue misure di tutela della sicurezza sul lavoro e di idonee condizioni di pulizia e igiene.

Prosegui la lettura
imagealt
24 Giugno 2022
Quando l’errata scelta dei DPI non è colpa del datore di lavoro

Guanti non idonei acquistati sulla base della consulenza di una società specializzata in materia: la Cassazione penale annulla la sentenza di condanna di un datore di lavoro per l’infortunio di un lavoratore, chiedendo alla Corte d’appello di valutare la sua effettiva colpa verificando l’ampiezza e la specificità dell’oggetto della consulenza e, quindi, l’eventuale particolare complessità della scelta dei dispositivi di protezione.

Prosegui la lettura
imagealt
28 Aprile 2022
Quando il mobbing diventa stalking

La Cassazione penale chiarisce che integra il delitto di atti persecutori (c.d. stalking) la condotta di mobbing del datore di lavoro che ponga in essere una mirata reiterazione di plurimi atteggiamenti convergenti nell’esprimere ostilità verso il lavoratore dipendente, preordinati alla sua mortificazione e all’isolamento nell’ambiente di lavoro.

Prosegui la lettura
imagealt
28 Aprile 2022
Prestazioni occasionali: niente sconti sulla tutela antiinfortunistica

La Cassazione penale ribadisce l’irrilevanza della forma contrattuale: se l’infortunato è sottoposto al potere direttivo e disciplinare del datore di lavoro, si devono applicare le aggravanti previste dal codice penale per violazione delle norme in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro.

Prosegui la lettura
imagealt
28 Aprile 2022
VIA postuma, il MITE definisce le procedure

Rispondendo a un interpello ambientale formulato dalla Provincia di Cremona il Ministero della Transizione Ecologica fornisce indirizzi sui rinnovi di autorizzazione o concessione relative all’esercizio di attività per le quali all’epoca del rilascio non era stata effettuata alcuna valutazione di impatto ambientale (VIA) e che attualmente rientrino nel campo di applicazione delle norme vigenti in materia (cosiddetta VIA postuma).

Prosegui la lettura
imagealt
28 Aprile 2022
Il datore di lavoro che non riesce a impedire le prassi vietate deve risarcire il danno

La Cassazione civile conferma la condanna di una società che, pur avendo vietato una prassi di movimentazione dei carichi rischiosa, e pur avendo istituito un sistema di controllo e vigilanza sul rispetto di tale disposizione, non è riuscita a evitare che, in un momento di temporanea assenza del capo reparto, il lavoratore la violasse, infortunandosi. Ora la società dovrà pagare il danno biologico differenziale al lavoratore.

Prosegui la lettura

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Ti abbiamo inviato una mail per convalidare la registrazione.

Controlla la tua casella di posta.

Si è verificato un errore durante la registrazione alla newsletter, si prega di riprovare.