Azienda

imagealt
24 Gennaio 2023
Più di un RSPP in azienda: è possibile?

Con l’Interpello n. 3/2022, la Commissione per gli Interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro ha risposto a un quesito del Dipartimento Autonomie Locali e Polizie Locali e del Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale sulla possibilità, per un datore di lavoro, di nominare più di un responsabile del servizio prevenzione e protezione.

Prosegui la lettura
imagealt
24 Gennaio 2023
Radiazioni ionizzanti: pubblicato il decreto correttivo

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2023, il Decreto Legislativo 25 novembre 2022, n. 203, contenente disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 31 luglio 2020, n. 101, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Prosegui la lettura
imagealt
24 Gennaio 2023
La responsabilità del committente per l’infortunio del lavoratore autonomo

La Cassazione penale ribadisce che il committente che abbia omesso di verificare l’idoneità tecnico-professionale dei lavoratori autonomi risponde comunque degli infortuni che dovessero verificarsi: l’eventuale responsabilità concorrente di altri soggetti non incide su quella del committente, che permane in ogni caso.

Prosegui la lettura
imagealt
24 Gennaio 2023
La Cassazione traccia i confini della “colpa di organizzazione”

Secondo la Cassazione penale le sanzioni previste dal D.Lgs. 231/2001 sono irrogabili solo in caso di “colpa di organizzazione”, cioè in presenza di un assetto organizzativo oggettivamente negligente nell’adottare le cautele necessarie a prevenire la commissione dei reati.

Prosegui la lettura
imagealt
22 Dicembre 2022
Danno da superlavoro: spetta al datore di lavoro dimostrare la tollerabilità dell’attività lavorativa

Secondo la Cassazione civile, in caso di danno alla salute derivante dallo svolgimento di prestazioni lavorative “oltre la tollerabilità”, il danno biologico va risarcito anche se il lavoratore non ha denunciato la violazione di una specifica norma in materia di salute e sicurezza sul lavoro: spetta infatti al datore di lavoro dimostrare che l’attività si è svolta, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, con modalità normali, congrue e tollerabili per l’integrità psicofisica e la personalità morale del lavoratore.

Prosegui la lettura
imagealt
14 Dicembre 2022
Procedure di movimentazione dei carichi e infortuni: la parola alla Cassazione penale

Secondo la Cassazione penale l’adozione di procedure operative di movimentazione dei carichi non basta a evitare, in caso di infortunio, le responsabilità del datore di lavoro, se esse non sono formalizzate, inserite nel documento di valutazione dei rischi e spiegate ai dipendenti.

Prosegui la lettura

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Ti abbiamo inviato una mail per convalidare la registrazione.

Controlla la tua casella di posta.

Si è verificato un errore durante la registrazione alla newsletter, si prega di riprovare.