Azienda

imagealt
26 Aprile 2021
Aggiornamento protocollo anti Covid-19 e vaccinazioni in azienda: le novità di aprile

Due protocolli adottati dalle Parti sociali su invito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministero della Salute annunciano novità nella strategia di contrasto e di contenimento della diffusione del SARS-CoV-2/Covid-19 negli ambienti di lavoro.

Prosegui la lettura
imagealt
26 Aprile 2021
Riammissione dei lavoratori dopo assenza per malattia Covid-19 correlata: ecco le indicazioni del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute ha emanato una circolare con la quale vengono specificate le indicazioni procedurali sulla riammissione in servizio dopo assenza per malattia Covid-19 correlata e le certificazioni che il lavoratore deve produrre al datore di lavoro.

Prosegui la lettura
imagealt
26 Aprile 2021
Responsabilità amministrativa degli enti in caso di infortunio: le sanzioni interdittive vanno motivate

Secondo la Cassazione penale le sanzioni interdittive derivanti da responsabilità amministrativa degli enti sono sanzioni “principali” e non “accessorie”, e devono in ogni caso essere adeguatamente motivate indipendentemente dalle sanzioni pecuniarie.

Prosegui la lettura
imagealt
26 Aprile 2021
Valutazione dei rischi troppo generica: condannato il datore di lavoro

Confermata dalla Cassazione penale la condanna di un datore di lavoro per insufficienza del documento di valutazione dei rischi, troppo generico per adempiere alla sua funzione di strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione.

Prosegui la lettura
imagealt
26 Marzo 2021
Nuove varianti Covid-19 e vaccinazioni: ecco le indicazioni ministeriali

Un documento redatto dal gruppo di lavoro Iss, Ministero della Salute, Aifa e Inail, risponde ai quesiti sulle misure farmacologiche, di prevenzione e controllo delle infezioni da Coronavirus sorti con il progredire della campagna vaccinale contro il contagio e la comparsa di diverse varianti del virus.

Prosegui la lettura
imagealt
26 Marzo 2021
Rapina in un ufficio postale: il lavoratore malmenato va risarcito dal datore di lavoro che non ha adottato idonei sistemi di sicurezza

Secondo la Cassazione civile il danno patito dal lavoratore durante un tentativo di rapina va risarcito dal datore di lavoro per mancata adozione delle cautele previste in via generale e specifica dalle norme antinfortunistiche, a meno che lo stesso datore di lavoro non riesca a provare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno.

Prosegui la lettura

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies