Visite ed esami

Riabilitazione - Fisioterapia per l'incontinenza

Rieducazione del pavimento pelvico

Il training del pavimento pelvico è un programma di chinesiterapia volto a migliorare la capacità di contrarre in maniera selettiva la muscolatura perineale.

Tale metodica è indicata in caso di incontinenza urinaria, trattamento pre e post operatorio nella chirurgia pelvica e nel trattamento post-partum. 

Oltre ad una serie di esercizi di training muscolare, il trattamento prevede l’utilizzo del biofeedback. Il biofeedback è una tecnica basata sul condizionamento comportamentale che permette di acquisire maggior controllo e consapevolezza di funzioni fisiologiche che non vengono apprezzate a livello cosciente. L’impiego del Biofeedback nelle disfunzioni del pavimento pelvico registra attività muscolari poco percepite, inducendo il paziente a memorizzare ed elaborare l’informazione per migliorarne l’efficacia.


Riabilitazione con Biofeedback

Il Biofeedback elettromiografico (BFB-EMG)è un sistema in grado di rilevare i segnali della contrazione muscolare e di evidenziare quanto accade durante una contrazione attraverso un segnale visivo (traccia, grafico, etc.) tramesso in un monitor oppure attraverso segnali acustici (bip).

Questo facilita il paziente ad imparare un’attività motoria in quanto avendo la possibilità di ricevere una informazione “in diretta” su quanto e come sta contraendo, permette una autoregolazione del gesto desiderato. E’ un sistema molto utile per imparare a contrarre muscoli che non sono facilmente visibili e di cui non abbiamo una facile percezione del movimento come il pavimento pelvico, ma anche per imparare a rilassare o a coordinare contrazioni di gruppi muscolari. 

Questo sistema può essere utilizzato nella riabilitazione di qualunque gruppo muscolare anche se il suo utilizzo è più diffuso nella riabilitazione del pavimento pelvico (perineo).

In particolare l’uso del BFB EMG nel pavimento pelvico può essere molto utile nei pazienti con incontinenza urinaria, ad esempio per migliorare sia la capacità contrattile che la coordinazione; nel dolore pelvico per imparare a rilassare la muscolatura o per esempio nella stipsi per imparare a coordinare il gesto del ponzamento che se non coordinato causa la defecazione ostruita (una delle cause di stipsi).

Nella riabilitazione del pavimento pelvico il sistema di rilevazione della contrazione muscolare è un sistema applicato a sonde, ad uso intra vaginale o anali, ma anche con elettrodi di superficie (tipo quelli usati negli elettrocardiogrammi) che si applicano sui muscoli rilevabili esternamente (addominali, glutei, adduttori, etc).

Questo sistema di rilevazione a livello perineale si usa ugualmente in ambito diagnostico in quanto permette di quantificare la contrazione muscolare ma anche di rilevare disfunzioni dell’attività muscolare a volte non percettibili o poco percettibili con l’esame clinico, nonché la valutazione dell’attività muscolare in differenti posture. Infine permette di effettuare valutazioni in dinamica, di valutare l’attività muscolare del pavimento pelvico durante movimenti del corpo come la deambulazione, il passaggio da seduto alla stazione eretta etc., grazie ad un sistema senza fili  (blutooth ) che invia i segnali dalla sonda al pc che il medico utilizza. Una buona e completa diagnosi velocizza ed ottimizza il percorso riabilitativo.

Responsabile del servizio

Invia email

La Riabilitazione del Pavimento Pelvico

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.