News

Vaccinazione anti papilloma virus con vaccino nonavalente

Intervista alla dott.ssa Roberta Daccò, medico ginecologo, CDI

Vaccinazione anti papilloma virus con vaccino nonavalente

Negli ultimi decenni le osservazioni scientifiche hanno portato ad una conclusione di eccezionale importanza per la salute: praticamente tutti i casi di tumore del collo dell’utero femminile sono legati all’infezione con un particolare virus della famiglia dei papillomi. Poco dopo si è avuta la conferma che questi virus possono causare altri tumori, meno frequenti ma altrettanto gravi ed insidiosi, sia nella donna che nell’uomo, a carico dell’apparato urogenitale o di quello orofaringeo.

Vaccinazione anti papilloma virus: quando farla?
Da circa una decina d’anni il ministero della salute offre gratuitamente alle ragazze undicenni la vaccinazione contro il papilloma, da circa due anni questa offerta è stata estesa anche ai ragazzi, a sottolineare l’importanza della prevenzione primaria e nell’ottica di ridurre il più possibile la circolazione dei virus.

Perchè è importante la vaccinazione?
I virus papilloma, una famiglia che conta oltre 100 virus, infettano circa il 70% delle ragazze prima dei 25 anni. Questo perché spesso non danno sintomi, molti sono i portatori sani, e non esiste la possibilità di proteggersi neppure utilizzando il preservativo! Importante sottolineare che infettarsi non vuol dire ammalarsi, infatti nella stragrande maggioranza dei casi il sistema immunitario riesce a combattere ed eliminare il virus, mentre in alcuni casi l’infezione progredisce subito oppure rimane latente e si potrebbe manifestare anche molti anni più avanti.
Risulta quindi di fondamentale importanza vaccinarsi, anche se non si è più adolescenti ed anche se si hanno già avuto rapporti! I virus “pericolosi” sono più di uno e può capitare di venirne a contatto!
Il vaccino Gardasil nove protegge contro nove tipi di virus papilloma, i sette più comuni definiti “ad alto rischio” di causare patologie di tipo tumorale e due “a basso rischio” che però possono causare i condilomi.
La vaccinazione è efficace e sicura, gli effetti collaterali correlati sono trascurabili e paragonabili a quella di una banale vaccinazione anti influenzale.

Come viene somministrato il vaccino?
Lo schema vaccinale è di tre somministrazioni a due e sei mesi dalla prima e garantisce una difesa immunitaria valida per anni. E’ possibile effettuare la vaccinazione nelle sedi CDI Saint Bon, CDI Lavater, CDI Largo Augusto.

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies