News

REACH: nuove modifiche alle restrizioni per fabbricazione, immissione sul mercato e uso delle sostanze pericolose

Con la pubblicazione del Regolamento (UE) 2020/2096 del 15 dicembre 2020, la Commissione Europea ha modificato l’allegato XVII del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio (REACH), in materia di restrizioni per fabbricazione, immissione sul mercato e uso delle sostanze pericolose.

REACH: nuove modifiche alle restrizioni per fabbricazione, immissione sul mercato e uso delle sostanze pericolose

Il Regolamento (UE) 2020/2096 della Commissione del 15 dicembre 2020, pubblicato il 16 dicembre 2020, ha modificato l’allegato XVII del Regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio (REACH) per quanto riguarda le sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR), i dispositivi medici, gli inquinanti organici persistenti, determinate sostanze o miscele liquide, il nonilfenolo e i metodi di prova per i coloranti azoici.

Con tale aggiornamento si è operata una revisione sistematica dell’allegato XVII, alla luce dell’abrogazione di direttive o dell’entrata in vigore di nuove norme, che in alcuni casi stabiliscono restrizioni più rigorose per alcune sostanze, nonché della necessità di evitare che l’utilizzo di determinate sostanze ricada sotto una doppia regolamentazione, come nel caso delle sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione potenzialmente contenute nei dispositivi medici.

Le modifiche entrano in vigore il 5 gennaio 2021, ma parte di esse si applicheranno a partire dal 5 luglio 2021 o dal 1 ottobre 2021; l’abrogazione delle restrizioni applicabili all’acido perfluoroottanoico (PFOA) e ai suoi sali, motivata dal fatto che il Regolamento (UE) 2019/1021 del Parlamento europeo e del Consiglio stabilisce limitazioni più rigorose per tali sostanze, si applica invece dal 4 luglio 2020.

Clicca qui per scaricare il Regolamento (UE) 2020/2096 della Commissione del 15 dicembre 2020

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.