News

Pubblicati i nuovi importi delle sanzioni per la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro

Aumentano del 15,9 % gli importi delle sanzioni irrogate per la violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro commesse a partire dal 6 ottobre 2023.

Pubblicati i nuovi importi delle sanzioni per la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro

Sono state pubblicate dall’Ispettorato nazionale del lavoro: la nota n. 724 del 30 ottobre del 2023, “Rivalutazione delle ammende e delle sanzioni amministrative in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro. Indicazioni per l’applicazione delle disposizioni” e la successiva nota integrativa n. 1159 del 9 novembre 2023, in applicazione del Decreto Direttoriale n. 111 del 20 settembre 2023, che hanno proceduto alla rivalutazione degli importi delle ammende riferite alle contravvenzioni in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro e alle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal D.Lgs. 81/2008, nonché dagli altri atti in materia aventi forza di legge, in applicazione di quanto previsto dall’art. 306, comma 4 -bis, dello stesso D.Lgs. 81/2008.

L’incremento applicato è del 15,9% sugli importi delle sanzioni previste dal D.Lgs. 81/2008, già aumentati del 10% per effetto della legge n. 145/2018.

La rivalutazione delle sanzioni riguarda solo le violazioni commesse successivamente al 6 ottobre 2023, data di pubblicazione del Decreto Direttoriale n. 111 del 20 settembre 2023, e non si applica alle “somme aggiuntive” che occorre versare, ai sensi dall’art. 14 del D.Lgs. 81/2008, ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Clicca qui per scaricare il quadro riepilogativo delle nuove sanzioni

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Ti abbiamo inviato una mail per convalidare la registrazione.

Controlla la tua casella di posta.

Si è verificato un errore durante la registrazione alla newsletter, si prega di riprovare.