News

Onde d'urto per disfunzione erettile

Una possibile alternativa terapeutica ai farmaci

Onde d'urto per disfunzione erettile

La disfunzione erettile (DE) è una condizione caratterizzata dalla persistente incapacità di ottenere o mantenere un’erezione di rigidità adeguata ai fini del rapporto sessuale, a prescindere dallo stato di eccitazione sessuale.
La frequenza del disturbo aumenta con l’avanzare dell’età ed è dimostrato che a partire dai 50 anni, il 52% della popolazione maschile è affetto da forme più o meno gravi di DE.

Le cause

La DE può riconoscere cause attinenti la sfera psico-emotiva o cause organiche.
Queste ultime sono spesso caratterizzate, in ultima istanza, da problemi a carico della vascolarizzazione del pene, per cui la quantità di sangue nei corpi cavernosi non è sufficiente a garantirne un adeguato riempimento con conseguente difficoltà.

La terapia

Le terapie farmacologiche utilizzate hanno una finalità curativa, incrementando l’apporto di sangue ai corpi cavernosi senza però intervenire sulle cause e, nel caso di assunzione “al bisogno”, prevedono una fastidiosa programmazione del rapporto. In alcuni casi, poi, le condizioni cliniche del paziente, controindicano o limitano significativamente l’assunzione di tali farmaci.

Le onde d’urto

Un’alternativa può essere rappresentata dalla cosiddetta terapia extracorporea ad onde d’urto.
Si tratta di una terapia con finalità riabilitative, dove l’applicazione di onde d’urto a bassa intensità direttamente sul pene, va a stimolare i tessuti promuovendo un effetto neoangiogenetico, ovvero la formazione di nuovi vasi sanguigni all’interno dei corpi cavernosi migliorandone così la vascolarizzazione e, di conseguenza, la sua capacità erettile.
Il trattamento prevede un ciclo di 6 sedute settimanali di circa 20 minuti.
Le applicazioni sono indolori e non presentano complicazioni.
E’ possibile ripetere il trattamento nel caso i sintomi si ripresentassero.

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies