News

La Cassazione civile ribadisce la responsabilità del datore di lavoro in caso di mobbing orizzontale

In caso di comportamenti vessatori da parte di colleghi, posti in essere in modo mirato, sistematico e prolungato nel tempo, il datore di lavoro ha l’obbligo di attivarsi per tutelare l’integrità psico-fisica del lavoratore.

La Cassazione civile ribadisce la responsabilità del datore di lavoro in caso di mobbing orizzontale

Il caso riguarda la condanna di una società al pagamento, a una lavoratrice, di un risarcimento per danno da invalidità temporanea conseguente al mobbing posto in essere dai suoi colleghi: il rappresentante legale della società, pur messo al corrente dei reiterati episodi mobbizzanti, non avrebbe indagato a fondo, né attuato provvedimenti disciplinari idonei a tutelare la lavoratrice.

Avverso tale sentenza è stato proposto ricorso per cassazione contestando, fra l’altro, che non fossero stati adeguatamente segnalati al datore di lavoro i comportamenti mobbizzanti posti in essere dai colleghi nei confronti della lavoratrice.

La Sezione Lavoro della Cassazione civile, con sentenza n. 27913 del 4 dicembre 2020, ha rigettato il ricorso, confermando la condanna, poiché «sebbene il datore di lavoro non si sia reso protagonista diretto delle condotte vessatorie subite dalla [lavoratrice], tuttavia lo stesso non può andare esente da responsabilità rispetto ai propri obblighi di tutela previsti dall’art. 2087 c.c.. […] [essendo] inverosimile che lo stesso non fosse a conoscenza dei comportamenti tenuti [dai suoi dipendenti], in quanto molte circostanze gli sono state riferite direttamente dalla [lavoratrice sottoposta a mobbing]». La Corte ha inoltre osservato che, in ogni caso, «la mancata predisposizione di tutti i dispositivi atti a tutelare la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro viola l’art. 32 della Costituzione che garantisce il diritto alla salute come primario ed originario dell’individuo, ed altresì l’art . 2087 c.c. che, imponendo la tutela dell’integrità psico-fisica del lavoratore da parte del datore di lavoro, prevede un obbligo, da parte di quest’ultimo, che non si esaurisce “nell’adozione e nel mantenimento perfettamente funzionale di misure di tipo igienico-sanitarie o antinfortunistico”, ma attiene anche – e soprattutto – alla predisposizione “di misure atte a preservare i lavoratori dalla lesione di quella integrità nell’ambiente o in costanza di lavoro anche in relazione ad eventi pur se allo stesso non collegati direttamente ed alla probabilità di concretizzazione del conseguente rischio».

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.