Approfondimenti

Protesi dell'anca con tecnica AMIS: ora l'accesso è davvero mininvasivo
Protesi dell'anca con tecnica AMIS: ora l'accesso è davvero mininvasivo

Il chirurgo può accedere all'articolazione dell'anca attraverso diverse vie d'accesso, seguendo una tecnica chirurgica "convenzionale" o una Chirurgia Minimamente Invasiva (MIS). Quest'ultima è caratterizzata dalla preservazione di muscoli e tendini, associata a una ridotta incisione cutanea.

Tra le varie tecniche, la AMIS (Anterior Minimaliy Invasive Surgery) è una vera chirurgia mini invasiva.

Altri approcci (approccio posteriore, laterale, postero-laterale o a doppia incisione), indicati come minimamente invasivi, portano invece al danneggiamento di muscoli e/o tendini e hanno come unico vantaggio la ridotta incisione cutanea. La tecnica AMIS non seziona i muscoli e rispetta i nervi.

Infatti l'approccio anteriore è l'unica tecnica che segue una via sia inter-muscolare sia inter-nervosa, riducendo il rischio di danneggiamento di muscoli, tendini, vasi e nervi.

Eventuali gesti di liberazione muscolare sono sempre ridotti al minimo, e in ogni caso meno importanti rispetto alle altre vie d'accesso chirurgiche.

Per questa ragione l'AMlS è la via d'accesso ideale per una chirurgia atraumatica, fondamentale per un rapido recupero: l'AMlS migliorerà la qualità della vita e velocizzerà la ripresa dopo un'artroplastica totale d'anca.

Con la via d'accesso AMIS, l'incidenza delle complicazioni viene diminuita rispetto alle tecniche "convenzionali". Non solo: consentendo un minore trauma chirurgico rispetto ad altre tecniche in quanto non vi è alcuna sezione dei tessuti muscolari, porta ad un recupero post-operatorio più rapido.

I vantaggi della tecnica AMIS

  • Diminuzione del dolore post-operatorio: rispetto a tecniche chirurgiche "convenzionali", l'approccio AMIS può ridurre il dolore post-operatorio poiché i muscoli non vengono sezionati.
  • Riabilitazione in tempi brevi: con l'approvazione del chirurgo che deciderà sulla base della condizione post-operatoria del paziente, la riabilitazione potrà cominciare anche il giorno stesso dell'operazione. Sempre con il consenso del chirurgo, il paziente potrà iniziare immediatamente a stare in piedi e camminare con stampelle o bastone.
  • Ridotta permanenza ospedaliera: generalmente la tecnica AMIS permette di ridurre significativamente la durata dei soggiorno ospedaliero. Sarà sempre il chirurgo eventualmente a consigliare una permanenza più lunga in funzione dello stato post-operatorio del paziente.
  • Cicatrice cutanea ridotta: con AMIS, l'incisione cutanea è spesso più corta di quella di un intervento "convenzionale" e quindi il tessuto cicatriziale è ridotto. Attualmente una cicatrice standard per via anteriore è di 6-8 cm al massimo; in caso di persone giovani (sia uomini sia donne) con cute ancora elastica ii chirurgo può avvalersi della possibilità di eseguire l'incisione "a bikini", non verticale ma obliqua, in corrispondenza della piega inguinale, ottenendo pertanto una cicatrice che può nascondersi sotto l'intimo o il costume.
  • Precoce ripresa delle attività quotidiane: grazie alla tecnica AMIS, il ritorno alle attività quotidiane è più veloce.
  • Minor perdita di sangue: la preservazione dei muscoli e dei vasi può ridurre la perdita di sangue. Le trasfusioni sono rare e la probabilità di formazione di coaguli nelle gambe (trombosi venosa profonda) è potenzialmente ridotta. Nel post-operatorio i valori di globuli rossi ed emoglobina rimangono - per lo più - nella norma, evitando anemizzazione e tutte le sue conseguenze (allettamento, nausea, capogiri, astenia generalizzata, mancanza di forze)
  • Riduzione del rischio di dislocazione/lussazione (la dislocazione è la separazione tra la testa del femore e l'acetabolo): grazie alla tecnica AMIS la preservazione dei muscoli migliora significativamente la stabilità dell'articolazione dell'anca, il rischio di dislocazione è minimo e le limitazioni di movimento post-operatorie, solitamente prescritte a seguito di altre tecniche, non sono necessarie. Il rischio di dislocazione è ridotto in quanto l'approccio anteriore si effettua nella parte anteriore dell'articolazione dell'anca, mentre la dislocazione è principalmente correlata a danni delle strutture posteriori dell'articolazione.
  • Prevenzione della zoppia: l'AMIS è una tecnica chirurgica che protegge i muscoli, i vasi sanguigni e i nervi che si incontrano durante l'accesso all'articolazione. Minimizzare il danno ai muscoli e ai nervi riduce la possibilità di zoppia.
    Il paziente potrà riprendere a guidare non appena sarà in grado di entrare e uscire dalla macchina comodamente, avendo un buon controllo della gamba e senza assumere antidolorifici. Se la condizione fisica generale è buona, probabilmente il medico potrebbe dare l'approvazione per tornare a guidare dopo 8-10 giorni.

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies