Approfondimenti

Epatite E: sintomi ed esami da fare

Il virus dell'epatite E (HEV) è una delle principali cause di epatite acuta a livello mondiale. Le segnalazioni d’infezioni HEV sono in aumento esponenziale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 20 milioni di infezioni HEV si verificano ogni anno in tutto il mondo, di cui circa 3 milioni sono sintomatiche e oltre 55.000 sono mortali.

Il virus dell'epatite E è un piccolo (32-34 nm) virus RNA privo di envelope, a singolo filamento, che appartiene alla famiglia Hepeviridae. Finora sono stati descritti 4 genotipi patogeni umani (HEV-1, HEV-2, HEV-3 e HEV-4); poiché gli studi hanno dimostrato evidenti reazioni incrociate tra loro, attualmente si assume un solo sierotipo HEV.

HEV-1 è presente prevalentemente in Asia e Africa, HEV-2 in Africa e Messico, mentre HEV-3 è osservato in tutto il mondo e HEV-4 principalmente in Asia e in Europa. HEV-1 e HEV-2 sono limitati agli esseri umani, mentre HEV-3 e HEV-4 infettano anche varie specie animali.

Come si trasmette?

Le vie d'infezione finora note comprendono la trasmissione oro-fecale da acqua contaminata (HEV-1 e HEV-2), l'infezione di origine alimentare (HEV-3 e HEV-4), oppure attraverso trasfusioni di sangue contaminato, trapianti di organi e la trasmissione verticale dalla madre al bambino. Il periodo di incubazione di HEV è di 2-8 settimane.

Il decorso dell'infezione da HEV nell'uomo può variare considerevolmente a seconda del genotipo infetto.

I sintomi

In generale, è possibile identificare un ampio spettro di sintomi clinici. Le infezioni HEV-1 e HEV-2 sono solitamente acute e autolimitanti. Finora non sono stati descritti casi di epatite cronica causata dai genotipi 1 e 2, tuttavia, l'infezione da HEV-1 può essere mortale per le donne in gravidanza. Nelle aree con distribuzione endemica di HEV-1 è stata riportata un'alta percentuale di epatite fulminante nelle gestanti nell'ultimo trimestre di gravidanza. 

Nelle pazienti immunocompetenti, le infezioni HEV-3 e HEV-4 progrediscono per lo più in modo asintomatico. Le infezioni sintomatiche sono generalmente acute, autolimitanti e difficilmente distinguibili dai sintomi delle infezioni da epatite A (ittero, dolore addominale superiore, febbre, affaticamento, ecc.) Le persone con danni al fegato e i pazienti immunosoppressi hanno un rischio maggiore di sviluppare un'epatite cronica che può provocare una cirrosi epatica, anche senza sintomi.

Gli esami da fare

Virus Epatite E anticorpi IgG/IgM

Iscriviti alla newsletter di CDI

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di CDI via mail, iscriviti alla newsletter.