8 ottobre 2015

Intervista dott. Giuseppe Chittò e dott.ssa Elvira Di Domenico - Sistema Gestione Qualità


In occasione del quarto rinnovo triennale dell’accreditamento JCI, CDI si interroga sul valore della qualità in sanità.

La qualità è un concetto alquanto soggettivo; nel settore sanitario, dal punto di vista del paziente, essa può riferirsi oltre che alla prestazione clinica, anche ad elementi come la facilità di accesso e la tempestività d’erogazione della prestazione. Tali fattori possono rivelarsi determinanti nell’orientare il paziente nella scelta di una struttura, motivazione che spinge a migliorare continuamente la qualità delle prestazioni sanitarie offerte e a essere efficiente per soddisfare i bisogni dei pazienti.
In questa intervista abbiamo chiesto al dott. Giuseppe Chittò e alla dott.ssa Elvira Di Domenico di illustrarci gli aspetti principali di questo tema.
 
Che cosa significa la qualità in un settore sanitario?
Qualunque attività è caratterizzata da un livello di qualità, che può essere alto, mediocre o basso, e questo vale soprattutto in un settore come quello sanitario.
Il paziente esige qualità clinica ed equità nell'accesso delle prestazioni sanitarie e, sempre, dà per scontato che questi elementi siano presenti; in aggiunta chiede un buon ambiente, velocità, organizzazione e vuole evitare tutto ciò che rende “fastidioso” l’erogazione di un servizio/prestazione che già percepisce come ansiogena.
Ci sono tanti processi che contribuiscono ad erogare un servizio ad alto livello e tutti devono essere tenuti sotto controllo: mantenere un ambiente confortevole e sicuro, eseguire accettazioni veloci e precise, garantire il rispetto dei tempi concordati e far sì che il paziente possa instaurare un buon rapporto con il medico che lo prende in carico.
 
Cos’è Joint Commission International e perché è importante avere un suo accreditamento?
Joint Commission International è il braccio internazionale di The Joint Commission (USA), organizzazione non governativa e non profit dedita da oltre 75 anni al miglioramento della qualità e della sicurezza nei servizi sanitari.
The Joint Commission rappresenta l’ente di accreditamento in sanità più grande e con maggiore esperienza al mondo.
L'accreditamento è un modo per valutare la qualità delle cure e la sicurezza per il paziente all’interno di una struttura. Si tratta di un processo continuo di verifica che permette di approfondire le operazioni e le attività quotidiane che vi si svolgono all’interno. La certificazione finale è dunque la conferma degli sforzi continui di miglioramento fatti dalla struttura.
Ricevere questo accreditamento, che in Italia ha solo un altro ambulatorio oltre al CDI, significa essere stati sottoposti ad una verifica severa ed essere in accordo con i principi di sicurezza e qualità delle prestazioni sanitarie considerate importanti ai fini dell’erogazione di prestazioni sanitarie sicure ed efficaci. Parliamo di 589 requisiti essenziali che riguardano, solo per citarne alcuni, la competenza delle professionalità che lavorano nella struttura, la sicurezza degli impianti e della strumentazione, l'utilizzo dei farmaci, la continuità delle cure, la comunicazione tra medico e paziente.
 
 
Che contributo dà JCI al Centro Diagnostico Italiano e ai nostri pazienti?
Un paziente che si rivolge a una struttura accreditata JCI riceve un servizio più adeguato alle sue esigenze e in condizioni di maggiore sicurezza, rispetto a una struttura non accreditata JCI. Una sicurezza che deriva in primo luogo dalla richiesta di sottoporsi volontariamente all'accreditamento, rispettando standard di qualità che ad ogni rinnovo diventano sempre più impegnativi ma al contempo più focalizzati al benessere del paziente.
Nel 2006 CDI è stata una delle prime strutture ambulatoriali nel mondo ad essere accreditata JCI e proprio recentemente ha ottenuto il rinnovo triennale dell’accreditamento per la quarta volta consecutiva.
CDI vuole che i propri pazienti siano soddisfatti di quello che facciamo e che ritornino per tutte le eventuali necessità che dovessero avere nel tempo.
Per alcuni aspetti, la certificazione JCI non soltanto qualifica la nostra organizzazione sanitaria in toto, ma indirettamente ciascuna funzione aziendale e ciascun operatore sanitario che opera all’interno del Centro. Ogni rinnovo della certificazione infatti rappresenta non un traguardo, ma un nuovo punto di partenza per migliorare continuamente ciò che offriamo ai pazienti. Sforzi che vengono premiati non solo da riconoscimenti importanti a livello mondiale, ma anche dagli stessi pazienti che sempre più numerosi ripongono in noi costante fiducia.