IGIENE&PREVENZIONE: La Pediculosi


A cura dell'équipe ddell’Ambulatorio di Dermatologia del CDI - Centro Diagnostico Italiano

La pediculosi è una parassitosi umana da insetti. I pidocchi hanno sei zampe, ognuna dotata di artigli. Le femmine fissano le loro uova (lendini) ai peli o alle cuciture dei vestiti. Si nutrono di sangue e non possono sopravvivere più di alcuni giorni senza nutrimento. Tre sono i tipi principali: pediculosi del capo, pediculosi del corpo, pediculosi del pube.

Chi colpisce

Tutti possono essere colpiti: più frequentemente per il capillizio i bambini in tutte le età (spesso si verificano epidemie scolastiche), per il pube i giovani adulti. Il pidocchio del corpo è invece associato alla scarsa igiene corporea e a condizioni di vita antigieniche (es. vagabondi, soldati e civili in zone di guerra).

Come avviene il contagio

I pidocchi si trasmettono da un essere umano all’altro o per contatto diretto o indiretto tramite effetti letterecci, spazzole, pettini o vestiti. Il pidocchio del pube è invece tipicamente trasmesso per via sessuale.

Quali sono i sintomi

Il sintomo principale è il prurito, soprattutto nelle aree posteriori e laterali del cuoio capelluto.

Quali sono le complicanze

A causa del grattamento sono spesso associate infezioni cutanee secondarie e ingrandimento dei linfonodi locali.

Come fare la diagnosi

La diagnosi è molto semplice. Il pidocchio può essere riconosciuto ad occhio nudo o con una lente di ingrandimento,ma più spesso sono visibili solo le “lendini”, uova grigio-bianche di circa 1mmdi lunghezza adese a capelli o peli. A A volte sono presenti alla parte posteriore del collo chiazze eritematose simili all’orticaria e in regione pubicamacule blu-grigio dovute in entrambi i casi al morso del pidocchio.

La terapia

La terapia consiste nell’applicazione di vari insetticidi topici per tre giorni consecutivi. Il trattamento deve essere sempre ripetuto dopo otto giorni dato che le lendini necessitano di una settimana di tempo per schiudersi.
Il cambio della biancheria deve essere quotidiano, spazzole e pettini nuovi; in caso di pediculosi del pube e del corpo, i vestiti devono essere disinfettati. Per la pediculosi del capillizio tutti i componenti del nucleo familiare devono essere controllati e sottoposti a una terapia locale profilattica.

Come prevenire la pediculosi

La sola raccomandazione è ovviamente una accurata igiene, evitare il contatto con oggetti potenzialmente contaminati (cappelli, vestiti, asciugamani, spazzole ecc.). In caso di bambini con pediculosi al capillizio avvisare sempre e tempestivamente la scuola.