LA MALARIA E LA PROFILASSI ANTIMALARICA


A cura dell'équipe dell’Ambulatorio di Medicina dei Viaggi del CDI - Centro Diagnostico Italiano

La malaria è endemica in vaste zone dell’Asia, Africa, America latina e centrale, isole caraibiche e Oceania. Definita “malaria” in seguito alla credenza che venisse trasmessa dalle paludi e dall’aria stagnante, è causata dal parassita Plasmodium, che, trasmesso dalla puntura della femmina della zanzara Anopheles all’interno dell’ospite umano, si modifica passando attraverso diversi stadi di sviluppo e riuscendo a eludere le difese del sistema immunitario infetta i globuli rossi e il fegato, fino a raggiungere una forma che è capace di infettare un’altra zanzara quando punge la persona malata.

I sintomi

I sintomi della malaria appaiono da 9 a 30 giorni dopo la puntura da parte della zanzara infetta e sono:

  • febbre alta
  • mal di testa
  • vomito
  • sudorazioni e tremori
  • diarrea
  • dolori muscolari
  • tosse 

La prevenzione

Si raccomanda il rispetto di misure comportamentali atte a ridurre il rischio di essere punti dalle zanzare. La chemioprofilassi, consigliata in relazione al paese di destinazione, durata, modalità, periodo del viaggio, condizioni cliniche del paziente, è costituita dai seguenti farmaci:

MEFLOCHINA  Compresse da 250 mg

Posologia: una compressa alla settimana

  • Sempre lo stesso giorno
  • A stomaco pieno

La profilassi deve iniziare una settimana prima dell’arrivo nell’area a rischio, proseguire per tutto il periodo di soggiorno e per quattro settimane dopo aver lasciato l’area a rischio.

CLOROCHINA  Compresse da 250 mg (150 mg di Clorochina Base)

Posologia: due compresse alla settimana (in adulti con peso superiore ai 45 kg)

  • Sempre lo stesso giorno
  • A stomaco pieno

La profilassi deve iniziare una settimana prima dell’arrivo nell’area a rischio, proseguire per tutto il periodo di soggiorno e per quattro settimane dopo aver lasciato l’area a rischio.

DOXICICLINA  Compresse da 100 mg

Posologia: una compressa al giorno a stomaco pieno

La profilassi deve iniziare due giorni prima dell’arrivo nell’area a rischio, proseguire per tutto il periodo di soggiorno e per quattro settimane dopo aver lasciato l’area a rischio.

ATOVAQUONE + PROGUANILE CLOROIDRATO ADULTI  Compresse da 250 mg di ATOVAQUONE e 100 mg di PROGUANILE CLOROIDRATO.

Posologia: per adulti una compressa al giorno a stomaco pieno sempre alla stessa ora.

La profilassi deve iniziare 24 ore o 48 ore prima di arrivare nell’area a rischio, continuare durante il periodo di soggiorno che non deve superare i 28 giorni (4 settimane), continuare per una settimana dopo aver lasciato l’area a rischio.

Durante l’uso di ATOVAQUONE + PROGUANILE CLOROIDRATO, non assumere:

  • Metoclopramide
  • Tetracicline
  • Rifampicina
  • Rifabutina
  • Anticoagulanti cumarinici
  • Antivirali

Avvertenze

  • Dopo aver concluso la profilassi antimalarica è opportuno attendere un certo periodo prima del concepimento
    in modo di avere la completa escrezione del farmaco. Il tempo di attesa è stimato in base all emivita
    del farmaco:
    Meflochina: 3 mesi
    Doxiciclina: 1-2 settimane
    Atovaquone-Proguanile: 3-4 settimane
  • Si consiglia di iniziare la profilassi antimalarica dopo almeno 3 giorni dalla fine della vaccinazione antitifica per via orale.
  • A causa del particolare ciclo vitale del Plasmodio, del suo periodo di incubazione e della persistenza nell’organismo, è indispensabile assumere il farmaco prescritto in modo scrupoloso usando i dosaggi e i tempi stabiliti.
  • Si ricorda che nessun trattamento di chemioprofilassi garantisce la protezione totale dalla malaria.

In caso di sospetto contagio

Nel caso si sospetti la malaria è necessario rivolgersi immediatamente ad un medico o ad una struttura ospedaliera per effettuare immediatamente gli esami di laboratorio per conferma o esclusione della diagnosi. La malaria dovrebbe essere sempre sospettata in caso di sintomatologia febbrile che si presenti in un paziente rientrato nell'ultimo anno o in particolare negli ultimi tre mesi da (o in corso di) un viaggio in un paese endemico.