LE INFEZIONI MICOTICHE


A cura dell'équipe dell’Ambulatorio di Medicina dei Viaggi del CDI - Centro Diagnostico Italiano

I cosiddetti “funghi” sono patologie particolarmente frequenti per chi soggiorna per lunghi periodi in climi caldo-umidi. Le affezioni più comuni sono rappresentate da:

  • tricofizia del cuoio capelluto: si manifesta con la formazione di chiazze circolari arrossate, squamose e prive di capelli
  • tricofizia dell’inguine: caratterizzata dalla formazione di chiazze arrossate, squamose e pruriginose che si espandono verso l’esterno mentre al centro tendono a regredire, circondate da una serie di vescicole;
  • piede dell’atleta: si manifesta inizialmente con prurito tra il quarto e il quinto dito, seguito dalla formazione di scaglie e spaccature della pelle che successivamente tendono ad interessare le altre dita.

LA CANDIDOSI

È un’affezione che può interessare qualsiasi parte del corpo: bocca (mughetto), tratto urogenitale, unghie e pelle glabra.

Come si manifesta

Tratto bucco-digestivo: si manifesta inizialmente con arrossamento della mucosa, successivamente comparsa di una lesione biancastra cremosa aderente che si localizza sulla faccia interna delle guance, palato, lingua.

Tratto uro-genitale: si verifica la comparsa di arrossamento ed edema della mucosa con la formazione di piccole afte e depositi biancastri, accompagnati da prurito e spiccato dolore alla minzione.

Cute glabra ed unghie: si verifica la comparsa di lesioni pruriginose simmetriche di colorito rosso scuro con bordo periferico biancastro a livello delle pieghe cutanee.

La compromissione delle unghie è caratterizzata da variazioni di colore (bianco-giallo-brunastro) con un aumento della loro friabilità. La cute intorno si presenta edematosa, dolorante e ci può essere fuoriuscita di pus.

La terapia

Si basa sulla somministrazione per via orale di farmaci a base di Fluconazolo o Griseovulvina o, a livello topico, di Nistatine o Econazolo.

La prevenzione

  • evitare capi di vestiario troppo aderenti, in lana, nylon o altre fibre sintetiche
  • eliminare calzature troppo strette che non permettono una buona areazione
  • uso preventivo di creme antimicotiche, di polveri nelle calze e negli indumenti intimi
  • evitare prolungate e particolari posizioni (a sedere o accovacciate)
  • dopo ogni lavaggio le pieghe cutanee vanno sciacquate molto bene e vanno eliminati gli eventuali residui di cute macerata applicando infine del talco.