Bando ISI 2018: nuovi criteri e più risorse

Con la Delibera n. 20 del 27 novembre 2018, il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’Inail ha aggiornato le linee di indirizzo per la concessione degli incentivi ai sensi del bando ISI. L’atto conferma in larga misura l’impianto generale del bando ISI 2017 ma introduce alcune interessanti novità.

Viene introdotto un sotto-asse nell’ambito dell’asse 1 (cosiddetto “generalista”) dedicato all’adozione dei modelli organizzativi e di responsabilità sociale, con riserva specifica di fondi. Sempre all’interno dell’asse 1, nella linea “programmi di investimenti” saranno aggiornate le tipologie di intervento, anche alla luce di eventuali nuove soluzioni tecnologiche presenti sul mercato..

L’asse 2 sarà dedicato anche quest’anno al rischio specifico da movimentazione manuale dei carichi.

L’asse 3 sarà rivisto in parte per ampliare il tipo di interventi finanziabili nel contesto della bonifica dell’amianto.

L’asse 4, destinato alle micro e piccole imprese, sarà dedicato in particolare alla pesca e al settore tessile-confezione-articoli in pelle e calzature, con l’obiettivo di sensibilizzare questi settori merceologici che hanno utilizzato poco gli incentivi nelle edizioni precedenti. L’asse 5 sarà ancora dedicato, come nella passata edizione, agli interventi nel settore dell’agricoltura. 

Le risorse complessive a disposizione passano da 249.406.358 euro del bando 2017 a a 369.726.206 del bando 2018, facendo segnare un considerevole aumento del 48%, in ulteriore crescita del 7% rispetto alle risorse finanziarie previste dal Bilancio di previsione 2018, che già prevedevano un aumento del 41% rispetto all’anno precedente.

Clicca qui per scaricare la Delibera Inail n. 20 del 27 novembre 2018

 

Ambiente e Sicurezza al CDI

Gli esperti del CDI sono a vostra disposizione per assistervi nella valutazione e gestione dei rischi per l'ambiente, la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro e nelle relative attività di formazione e informazione: chiama ora il numero 02.48317.000 oppure invia un'email a cdiambientesicurezza@cdi.it.