NEWS

dicembre 2016

Se il lavoratore non indossa i dispositivi di protezione e si infortuna, la colpa è del datore di lavoro?

A una domanda del genere sembrerebbe facile rispondere di no o, perlomeno, che la colpa è di entrambi. Invece, secondo la sentenza della Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, del 5 dicembre 2016, n. 24804, la responsabilità è tutta del datore di lavoro!
Nel caso in questione infatti la Cassazione ha respinto il ricorso di una ditta di impiantistica nei confronti di una sentenza che la condannava a risarcire il danno occorso a un lavoratore che aveva deciso di non utilizzare la giacca ignifuga in dotazione, a causa della temperatura elevata dell’ambiente di lavoro.

leggi la news

dicembre 2016

I rappresentanti dei lavoratori possono accedere alle informazioni contenute nel nuovo Cruscotto Infortuni?

Con la circolare 30 novembre 2016, n. 45 l’Inail ha fornito alcune indicazioni sulle modalità di accesso ai dati contenuti nel "Cruscotto infortuni" da parte dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (aziendali e territoriali) dopo l’abolizione del Registro infortuni, fatto di cui vi avevamo già dato notizia nella nostra news di ottobre.

leggi la news

novembre 2016

Gestione del rischio da esposizione a formaldeide: nuove linee guida

Il 15 novembre 2016 la Regione Lombardia ha approvato le linee guida sulla stima e la gestione del rischio da esposizione a formaldeide. Cerchiamo di capire in cosa consistono e quali sono le novità che ne derivano. Innanzitutto ricordiamo di che sostanza stiamo parlando. La formaldeide, chiamata anche aldeide formica, a temperatura e pressione atmosferica è un gas incolore, condensabile in un liquido mobile che per raffreddamento diviene un solido di colore bianco. La formaldeide è presente come prodotto naturale in numerosi sistemi viventi e nell’ambiente. Si rinviene naturalmente nei cibi, nella frutta e come metabolita endogeno nei mammiferi, prodotto dal metabolismo ossidativo.

leggi la news

ottobre 2016

L’e-learning: la rivoluzione formativa è arrivata, ma attenti alle frodi

Tra le pieghe del nuovo Accordo Stato Regioni Decreto sulla formazione dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione del 7 luglio 2016 si nasconde una vera e propria rivoluzione nella formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro: dal 3 settembre 2016, infatti, nelle aziende a basso rischio è consentito ricorrere all’e-Iearning sia per la formazione generale che per quella specifica. Tale possibilità vale anche per i lavoratori delle aziende a rischio medio o alto che non svolgono mansioni che comportino la loro presenza nei reparti produttivi, anche saltuariamente. Viceversa, per le aziende a basso rischio, non è consentito il ricorso alla modalità e-Iearning per tutti quei lavoratori che svolgono mansioni che li espongono ad un rischio medio o alto.

leggi la news

ottobre 2016

Infortuni: andranno segnalate anche le assenze di un giorno

Il 12 ottobre 2016 è entrato in vigore il nuovo regolamento del Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione (SINP): da questa data parte il conto alla rovescia per l’entrata in vigore dell’obbligo per il datore di lavoro di comunicare all’INAIL i dati e le informazioni relativi agli infortuni sul lavoro che comportano l’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento, pena una sanzione amministrativa pecuniaria che va da € 548,00 a € 1.972,80. Il nuovo obbligo diverrà operativo sei mesi dopo la data di pubblicazione del Decreto, e quindi a partire dal 12 aprile 2017.
Sempre a partire da tale data verranno abrogate le disposizioni relative ai registri degli esposti ad agenti cancerogeni e biologici, come previsto dall’’articolo 53, comma 6, del Dlgs 81/08.

leggi la news

settembre 2016

Campi elettromagnetici: scatta l’obbligo di valutare gli effetti sensoriali e sanitari

Il 2 settembre 2016 2 settembre 2016 è entrato in vigore il decreto di attuazione della Direttiva 2013/35/UE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall’esposizione ai campi elettromagnetici (Decreto Legislativo del 1 agosto 2016, n° 159), che apporta significative modifiche e integrazioni alla parte Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro che riguarda tali rischi, ovvero al Capo IV del Titolo VIII e all’Allegato XXXVI. La nuova norma prevede la tutela dei lavoratori sia dagli "effetti biofisici diretti", provocati nel corpo umano a causa della sua presenza all’interno di un campo elettromagnetico, sia dagli "effetti indiretti", cioè quelli provocati dalla presenza in un campo elettromagnetico di oggetti che potrebbero essere causa di un pericolo per la salute e la sicurezza.

leggi la news