NEWS

settembre 2018

La Cassazione ribadisce: è reato la mancata collaborazione del medico competente alla valutazione dei rischi

La terza Sezione della Cassazione Penale ha condannato un medico competente per mancata collaborazione con il datore di lavoro alla valutazione dei rischi: anche in assenza di sollecitazione di quest’ultimo, al sanitario è richiesto un “contributo propulsivo”.

leggi la news

settembre 2018

Rifiuti pericolosi: da ISPRA i chiarimenti sulla nuova classificazione di “ecotossico” 

Con una sua nota ISPRA fornisce gli elementi utili alla classificazione dei rifiuti ecotossici, in applicazione del Regolamento 2017/997/UE in vigore da luglio 2018.

leggi la news

settembre 2018

Codice di prevenzione incendi: la nuova guida operativa di Inail

Inail mette a disposizione gratuitamente un nuovo strumento di supporto alla gestione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro, con l’obiettivo specifico di aiutare i professionisti ad applicare al meglio le novità introdotte dal D.M. 3 agosto 2015.

leggi la news

settembre 2018

Infortunio mortale: condannato un RSPP

La Corte di Cassazione torna sul ruolo di garanzia del RSPP: pur in assenza di una previsione normativa di sanzioni penali a suo specifico carico, può essere ritenuto responsabile, in concorso con il datore di lavoro o anche a titolo esclusivo, del verificarsi di un infortunio.

leggi la news

luglio 2018

Riduzione inquinanti atmosferici: entra il vigore il nuovo Decreto

È entrato in vigore il 17 luglio il Decreto Legislativo 30 maggio 2018, n. 81, attuazione della Direttiva (UE) 2016/2284 sulla riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici.

leggi la news

luglio 2018

Microclima nei luoghi di lavoro: discomfort o rischio per la salute?

INAIL ha pubblicato una guida per la valutazione del microclima nei luoghi di lavoro: scopriamo insieme quando le condizioni climatiche di un luogo di lavoro possono diventare un rischio per la salute umana.

leggi la news

luglio 2018

Scoppia uno pneumatico, è colpa del datore di lavoro

In caso di incidente sul lavoro, causato dalla rottura di uno pneumatico dell'auto aziendale, l’INAIL può esercitare azione di regresso nei confronti del datore di lavoro, colpevole di non aver controllato che il gommista eseguisse il lavoro nel pieno rispetto delle norme UNI di settore.

leggi la news

luglio 2018

Nuovo portale delle valutazioni e delle autorizzazioni ambientali 

Dal 24 luglio 2018 è disponibile online la nuova versione del portale delle valutazioni ambientali VAS e VIA, che include le procedure di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) di competenza statale.

leggi la news

giugno 2018

Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche: dal 15 agosto entra in vigore la nuova disciplina

Si allarga l’ambito di applicazione della normativa sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE): ecco le indicazioni operative del Ministero.

leggi la news

giugno 2018

Valutazione dei rischi negli uffici: ecco il software per la valutazione on line gratuita

È stato reso disponibile dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali il software per la valutazione dei rischi negli uffici realizzato dall'Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro. Scopriamolo insieme.

leggi la news

giugno 2018

Avvelenamento di acque e sostanze alimentari: secondo la Cassazione non vale il principio di precauzione

Per contestare il reato di avvelenamento colposo di acque o di sostanze alimentari non è sufficiente il superamento di limiti di carattere precauzionale: è necessario che venga accertata la presenza di una dose di sostanza contaminante in grado di provocare concretamente effetti avversi per la salute.

leggi la news

giugno 2018

Sanzioni per violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro: in arrivo la “mini stangata”

Le sanzioni irrogate per la violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro saranno più care a partire dal 1 luglio prossimo. Ecco il quadro riepilogativo.

leggi la news

maggio 2018

Albo Nazionale Gestori Ambientali: via libera alla semplificazione

Importanti novità per le imprese che effettuano raccolta e trasporto di rifiuti metallici non pericolosi: dal 15 giugno 2018 potranno iscriversi all’Albo Nazionale Gestori Ambientali con modalità semplificate..

leggi la news

maggio 2018

Bando ISI 2017: si avvicina la scadenza del 30 maggio

Ammonta a quasi 250 milioni di euro la somma che INAIL mette a disposizione delle aziende per sviluppare progetti in materia di salute e sicurezza sul lavoro: e da quest’anno si allarga la platea dei possibili beneficiari.

leggi la news

maggio 2018

Registri di esposizione ad agenti cancerogeni e biologici: dal 14 maggio addio alla PEC

Fine della proroga dell’utilizzo della PEC per i datori di lavoro non titolari di posizione assicurativa territoriale: dal 14 maggio la trasmissione dei registri di esposizione ad agenti cancerogeni e biologici si effettua solo tramite il portale Inail.

leggi la news

maggio 2018

Mancata formazione dei lavoratori in caso di subappalto: la responsabilità è solo della ditta subappaltatrice

La Cassazione Penale conferma: il subappaltante non è obbligato a controllare la corretta formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro dei lavoratori dipendenti della ditta subappaltatrice.

leggi la news

aprile 2018

Nuove modifiche all’allegato XVII del REACH

Con due Regolamenti del 18 aprile 2018 la Commissione UE ha modificato l’Allegato XVII del Regolamento 1907/2006 (REACH), introducendo nuove restrizioni in materia di fabbricazione, uso e commercio di metanolo e 1-metil-2-pirrolidone (NMP).

leggi la news

 

aprile 2018

Il Regolamento UE 2016/425 sui Dispositivi di Protezione Individuali

Dal 21 aprile è abrogata la Direttiva 89/686/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai Dispositivi di Protezione Individuale (DPI). Questa storica Direttiva è stata sostituita dal Regolamento UE 2016/425, la nuova norma di riferimento per la progettazione e fabbricazione dei DPI

leggi la news

 

aprile 2018

Modelli di organizzazione e gestione: la Cassazione fissa i paletti per garantire la non responsabilità dell’ente

In caso di omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro la responsabilità dell’ente ai sensi del Dlgs 231/00 è esclusa solo dall’adozione di idonei modelli di organizzazione e gestione, controllati da un organismo dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo.

leggi la news

aprile 2018

Core protocol per la sorveglianza sanitaria degli addetti in sanità

Per la Regione Lombardia, le visite degli addetti al settore sanitario dovrebbero essere effettuate di norma ogni sei anni per i lavoratori di età inferiore ai 45 anni e ogni tre anni per quelli di età superiore ai 45 anni.

leggi la news

 

febbraio 2018

Responsabilità da inquinamento: il Ministero dell’Ambiente fa chiarezza

In una breve nota il Ministero dell’Ambiente riassume gli obblighi del proprietario di un sito contaminato, privo di responsabilità per l’inquinamento prodotto, e definisce i concetti di “soggetto responsabile dell’inquinamento” e di “inquinamento diffuso”.

leggi la news

febbraio 2018

Addio OHSAS 18001: arriva la nuova norma ISO 45001

Dopo più di quattro anni di lavoro la International Organization for Standardization ha approvato la norma ISO 45001 sui sistemi di gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, che manderà in pensione la norma OHSAS 18001 del 2007

leggi la news

febbraio 2018

Nuovi indirizzi operativi Inail per la diagnosi delle malattie professionali dell’apparato respiratorio

Con la sua nuova pubblicazione Inail provvede al riordino e alla classificazione delle malattie professionali dell’apparato respiratorio, proponendo per ciascuna di esse un modello diagnostico standard.

leggi la news

febbraio 2018

Non punibilità per “particolare tenuità del fatto” in ambito infortunistico: la Cassazione ribadisce i criteri

L’omissione di minimo rilievo delle misure di sicurezza, che non ha messo a repentaglio l'incolumità dei lavoratori, va comunque sanzionata penalmente: è esclusa secondo la Corte di Cassazione la non punibilità per particolare tenuità del fatto ai sensi dell’art. 131 bis c.p..

leggi la news

gennaio 2018

Responsabile tecnico della gestione dei rifiuti: i chiarimenti del Ministero dell’Ambiente

A pochi mesi dalla Delibera n. 6/2017 dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali, che ha ridelineato la figura del Responsabile tecnico della gestione dei rifiuti, il Ministero dell’Ambiente chiarisce i dubbi interpretativi sollevati dalla nuova disciplina.

leggi la news

gennaio 2018

Gastrite cronica da troppo lavoro: il danno biologico è risarcibile

Se le carenze di organico obbligano un dipendente a continue lunghe trasferte, e questi si ammala di gastrite cronica, il datore di lavoro deve risarcire il danno biologico. Lo dice la Corte di Cassazione.

leggi la news

gennaio 2018

Informazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro: la Commissione Interpelli chiarisce a chi spetta

L’Unione Generale del Lavoro si è rivolta alla Commissione per gli Interpelli del Ministero del Lavoro per chiarire se l’informazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro debba essere svolta in forma prioritaria ed esclusiva dal Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione.

leggi la news

gennaio 2018

Nuove linee di indirizzo per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico

Da diversi anni, in Italia, si assiste a un incremento costante delle denunce di malattia professionale e, fra queste, le patologie ascrivibili al rischio da sovraccarico biomeccanico costituiscono il numero maggiore: ora la Regione Lombardia vara le sue linee di indirizzo per la sorveglianza sanitaria in questo importante settore.

leggi la news

novembre 2017

Valutazione dei rischi da agenti chimici, cancerogeni e mutageni: il nuovo manuale ISPRA

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha pubblicato una nuova edizione del Manuale per la valutazione del rischio da agenti chimici, cancerogeni e mutageni, aggiornata ai nuovi regolamenti europei REACH e CLP ed agli interventi della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro sulla gestione del rischio chimico.

leggi la news

novembre 2017

Delega di funzioni in materia ambientale: non solo per le grandi aziende

La delega di funzioni in materia ambientale è valida a prescindere dalle dimensioni e dalla complessità organizzativa dell’azienda: è sufficiente che l’atto di delega sia espresso, inequivoco e certo ed investa una persona tecnicamente capace, dotata delle necessarie cognizioni tecniche e dei relativi poteri decisionali e di intervento. Lo afferma la terza sezione della Cassazione Penale, con sentenza n. 52636 del 20 novembre 2017.

leggi la news

novembre 2017

Istruzioni operative INAIL per lo smart working

Una nuova circolare INAIL fornisce le indicazioni operative sulla gestione dei rapporti di smart working: obbligo assicurativo e classificazione tariffaria, retribuzione imponibile, tutela assicurativa, tutela della salute e sicurezza. E presenta la nuova piattaforma dedicata al mondo del lavoro agile.

leggi la news

novembre 2016

Danno morale da inquinamento: bisogna provare il “turbamento psichico”

La Cassazione Civile, con la sentenza n. 27324 del 17 novembre 2017, ha affermato che non basta lavorare in un ambiente inquinato da amianto per avere diritto al risarcimento del danno morale. Il “turbamento psichico” del lavoratore deve essere provato, e non può essere desunto dal solo svolgimento della prestazione lavorativa in un ambiente inquinato.

leggi la news

 

ottobre 2017

Comunicazione infortuni: nuove regole e nuovo portale

Dal 12 ottobre 2017 sono previste sanzioni da € 548,00 a € 1972,80 euro per chi non comunica entro 48 ore gli infortuni con assenza di almeno un giorno, escluso il giorno dell’evento. La Circolare n. 42 del 12 ottobre 2017 dell’Inail spiega come adempiere al nuovo obbligo con un nuovo servizio telematico dedicato.

leggi la news

ottobre 2017

Chiarimenti sulle sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro fa chiarezza sulle sanzioni da irrogare in caso di omessa sorveglianza sanitaria: le sanzioni più gravi sono limitate ai casi in cui si debba valutare lo stato di salute del lavoratore al fine dell’affidamento di compiti specifici che richiedano particolari capacità (p. es. lavori in quota, lavori in sotterraneo o in ambienti chiusi in genere, lavori subacquei, etc.).

leggi la news